EFFETTO CINEMA

Effetto cinema - il cinema che parla di cinema

La sezione che propone alcuni documentari storici sul cinema italiano, è quest’anno particolarmente ricca. Molti i film con cui fare un tuffo nel passato: Il mondo in scena – 60 anni del Festival di Spoleto di Gérald Caillat e Benoit Jacquot, Mariangela!
di Fabrizio Corallo, Salvatrice – Sandra Milo si racconta di Giorgia Wurth, Le Scandalose di Gianfranco Giagni.

L’ingresso a tutti gli eventi è gratuito.

Il mondi in scena – 60 anni del Festival di Spoleton di Gérald Caillat e Benoit Jacquot,
Italia/Francia, 2017 – 75’
Creato dal compositore italo-americano Gian Carlo Menotti nel 1958 e diretto dal 2008 da Giorgio Ferrara, Il Festival di Spoleto, o Festival dei Due Mondi, è un evento culturale unico, cosmopolita e multidisciplinare, che riflette da sempre il meglio della cultura
italiana e internazionale. Gli autori hanno scelto di dipingere i 60 anni di Festival in forma poetica, attraverso associazioni radicali, rime, cesure di ritmo, scandite dalla voce di Giorgio Ferrara, che si addice perfettamente alla ricchezza polimorfa del Festival e alla diversità dei materiali di cui il film si compone.

Mariangela! di Fabrizio Corallo
Italia, 2017 – 110′
Il racconto della straordinaria vita artistica di Mariangela Melato, la grande attrice scomparsa nel gennaio del 2013. La sua storia personale e artistica rivive attraverso il ricordo emozionante di Lella Costa, che coinvolge quanti le furono vicini nel lavoro e
nella vita, da Renzo Arbore alla sorella Anna Melato con aneddoti divertenti e commossi, alternati a interviste inedite a Giancarlo Giannini, Lina Wertmüller, Gigi Proietti, Toni Servillo, Pippo Baudo, Gabriele Lavia, Massimo Ranieri, Isabella Rossellini e Lina Sastri. Il documentario si snoda dagli esordi teatrali nei primi anni ‘60 ai lavori più impegnativi con registi come Visconti, Ronconi e Strehler, proseguendo con i film dei grandi autori – Petri, Monicelli, Comencini, Brusati e Giuseppe Bertolucci – alla notorietà internazionale che arriva con la celebre trilogia di commedie interpretate con Giancarlo Giannini per Lina Wertmüller, per culminare nel vulcanico onewoman show Sola me ne vo.

Salvatrice – Sandra Milo si racconta di Giorgia Wurth
Italia, 2017 – 60’
Il film documenta il viaggio umano e artistico di Sandra Milo, nome d’arte di Salvatrice Elena Greco. Tra successi, amori, sconfitte, incontri, processi, luci, silenzi e kebab, il ritratto di una donna che tutti credono di conoscere, ma che in pochi hanno capito davvero. Il film è stato premiato ai Nastri D’Argento 2018. Nata a Tunisi l’11 marzo 1933 Elena Salvatrice Greco appare fin da subito destinata per la morbida opulenza del suo fisico a impersonare la ragazza votata all’amore, sempre disponibile al corteggiamento. Ha poi gestito con sorniona ironia la svagata consistenza dei suoi personaggi, destreggiandosi tra comicità, malizia e ingenuo patetismo.

Le scandalose di Gianfranco Giagni
Italia, 2016 – 57’
Il documentario ripercorre i casi più o meno famosi di donne assassine nell’Italia, dal dopoguerra agli anni ’70. Da Leonarda Cianciulli, la “saponificatrice”, processata dopo il ’45 per omicidi compiuti durante il fascismo, alle sorelle Lidia e Franca Cataldi, da Rina Fort alla contessa Pia Bellentani, da Pupetta Maresca a Luigina Pasino e a Doretta Graneris. Donne che uccidono amanti, mariti, bambini, familiari, altre donne e uomini, per motivi diversi: follia, gelosia, vendetta, disperazione, soldi. Donne che confessano il loro crimine mentre l’Italia si risolleva dalle macerie del conflitto e si arriva al boom economico.